Ippodromo

Ippodromo

L’ippodromo è stato costruito vicino la Moschea Blu e poteva ospitare fino a 100 mila persone.

L’Ippodromo di Istanbul, o Atmeydani, ha avuto un’importanza rilevante sin dai tempi di Bisanzio, grazie alle sue immense dimensioni, 400 m di lunghezza e 120 di larghezza, secondo solo al Circo Massimo di Roma.

Non solo era un luogo di divertimento ma qui si sfidavano le classi politiche per ottenere la guida della città: la squadra verde rappresentava il popolo e quella blu la classe dirigente.

Dal gioco molto spesso si passò alla guerra civile: la rivolta di Nika ad esempio mise a ferro e fuoco la città per 6 giorni, provocò l’incendio di Aya Sofya  e venne repressa dal generale Belisario con la morte di 30.000 insorti trucidati proprio nell’arena.

L’ippodromo è stato costruito vicino la Moschea Blu e poteva ospitare fino a 100 mila persone. Purtroppo, a causa della IV Crociata, quando Costantinopoli è stata saccheggiata, le opere di maggior valore dell’ippodromo sono andate perse.

Curiosità

  • I cavalli della basilica di S. Marco provengono proprio dall’Ippodromo di Istanbul: originari di Delfi, i 4 cavalli più famosi della storia vennero posizionati prima sull’arco traiano a Roma e poi trasferiti da Teodosio a Costantinopoli. Furono i crociati a portali a Venezia, da dove Napoleone li sottrasse per sistemarli di fronte all’arco di trionfo. Fu solo alla sua caduta che i cavalli vennero restituiti alla città lagunare.
  • Tra i tanti usi di questa piazza ci fu quello di “arena” di rivendicazioni e scioperi, primi fra tutti quelli da parte dei giannizzeri, cava di marmo per le moschee e passaggio di autobus, prima che venisse trasformato in giardino pubblico al servizio dei cittadini.

Da vedere

Obelisco di Teodosio

Costruito dal faraone Thutmosi II 3500 anni fa,venne portato a Costantinopoli da Teodosio I.

I suoi geroglifici intessono le lodi del sovrano raffigurato insieme al dio Ammone nella parte alta, mentre alla sua base sono raffigurate la vita e le gesta del faraone.

Colonna serpentina

Anch’essa trafugata durante le campagne di conquiste, la colonna arriva dal tempio di Apollo a Delfi.
Rappresenta tre serpenti intrecciati le cui teste sono andate perdute nel tempo.

Obelisco murato

La sua provenienza è incerta e un tempo doveva essere ricoperto di lamine di bronzo fatte rimuovere da Costantino VII Porfirogenito.

Dove dormire vicino Ippodromo

Cerchi un Hotel vicino Ippodromo? Clicca qui per vedere tutti gli alloggi disponibili nei dintorni di Ippodromo